slide03-Educare.jpg

Che fine fanno le montagne di rottami che ogni anno si accumulano nei piazzali di raccolta del Campo Lavoro? E dove finiscono le migliaia di sacchi gialli raccolti porta a porta nel corso della due giorni? E come si riesce a trasformare questa caterva di materiali destinati alla spazzatura in aiuti preziosi per i nostri missionari? Cerchiamo di capirlo andando a vedere come funziona un centro di raccolta (il Campo Lavoro ne conta sei: Rimini, Riccione, Cattolica, Bellaria, Santarcangelo, Villa Verucchio).

Intanto va detto che non tutti i materiali ritirati dai volontari prendono la strada dei container. Quelli ancora utilizzabili vengono infatti selezionati per essere rivenduti nei frequentatissimi mercatini dell’usato, allestiti in tutti i centri di raccolta. Giocattoli, libri, biciclette, elettronica, borse, oggetti per la casa, indumenti ancora in buono stato non infilati nei sacchi ma consegnati direttamente ai banchi di vendita. Un piccolo grande tesoro che, rivenduto per pochi spiccioli, contribuisce non poco al risultato finale (solo l’anno scorso i mercatini del Campo hanno totalizzato la bella cifra di oltre 70 mila euro).

Tutto il resto finisce nei piazzali per essere rivenduto a peso a ditte che operano sul mercato del recupero. I sacchi gialli ricolmi di panni, i grandi elettrodomestici in disarmo, i rottami di ferro, le casse ripiene di vecchi giornali e riviste e poi gli oggetti più improbabili che nessuno si metterebbe in casa (qualche anno fa persino una enorme cassaforte che non si riusciva ad aprire…).
Sempre riferendoci ai dati 2014, alla fine del Campo, l’ago della bilancia ha fatto registrare un totale di 483 tonnellate di materiali raccolti, di cui 182 tonnellate di metalli vari, 149 di indumenti usati, 33 di rifiuti elettronici e 74 tonnellate di carta. Per un introito complessivo di 83 mila euro (la voce di entrata più consistente).

Ma a chi vengono venduti questi materiali? In coerenza con lo spirito che anima il Campo, in questi anni è sempre stato privilegiato un rapporto con aziende di qualità, responsabili e eticamente certificate, in grado di offrire le più ampie garanzie in termini di trasparenza delle destinazioni e correttezza della filiera produttiva.
Riportiamo qui di seguito l’elenco delle ditte con cui è stato stipulato un contratto per lo smaltimento dei materiali del Campo Lavoro 2015. Per ciascuna di esse pubblichiamo un breve profilo aziendale, con le certificazioni ottenute, e i termini del contratto di acquisto (prezzi pagati per i materiali e impegni assunti in ordine alla loro destinazione). Le schede descrittive sono state redatte e sottoscritte dalle stesse aziende interessate.

Fai clic sul nome dell'azienda per visualizzare il pdf con il profilo

Sarm di Ottaviani & C. - San Giovanni in M.            Ferro e metalli vari
  Indumenti e giocattoli
Sider Rottami Adriatica - Pesaro RAEE rifiuti elettrici e elettronici
Bandini&Casamenti - Forlì Carta

© 2016 Associazione Campo Lavoro Missionario
Sede legale: Rimini, v. Carlo Zavagli, 73
segreteria@campolavoro.it

Licenza Creative Commons
campolavoro.it è distribuito con Licenza
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Codice Fiscale associazione: 91152810403
Privacy policy

Questo sito utilizza alcuni cookie. Per approfondire, leggi l'informativa sulla privacy.
Chiudendo questo box, dichiari di accettare tale informativa.

pathway